Warning: include(html/com_content/archive/function.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.missione100piazze.it/home/Blog/templates/frontoffice/index.php on line 51 Warning: include(html/com_content/archive/function.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.missione100piazze.it/home/Blog/templates/frontoffice/index.php on line 51 Warning: include(): Failed opening 'html/com_content/archive/function.php' for inclusion (include_path='.:/php5.3/lib/php/') in /web/htdocs/www.missione100piazze.it/home/Blog/templates/frontoffice/index.php on line 51

Le parole di saluto rivolte domenica scorsa al termine del Regina Coeli da Papa Francesco alle comunità neocatecumenali, hanno aperto una finestra su un evento il cui svolgimento è iniziato in moltissime piazze di Italia e del mondo con la prima domenica dopo Pasqua e continuerà per cinque domeniche consecutive ripetendo l'esperienza svolta già lo scorso anno sempre nel tempo di Pasqua.
La grande celebrazione di canonizzazione dei Papi Santi ha fatto scivolare l'inizio della missione a Roma, dove la ormai conosciuta "missione 100 piazze" ha preso il via domenica 4 maggio seguendo la celebrazione di invio tenuta sabato precedente nella Basilica di san Paolo e presieduta dal cardinale Agostino Vallini il quale ha invitato le comunità neocatecumenali della città a: "raccontare con pazienza ciò che Dio ha fatto nella vostra vita. Raccontate che Gesù è davvero il Signore, raccontatelo come genitori, come figli, come anziani, come sacerdoti..."

Ed è quello che accade in circa diecimila luoghi nel mondo, in condizioni climatiche, logistiche, linguistiche e politiche completamente diverse ma sempre con lo stesso schema.
Una celebrazione delle lodi oppure dei vespri dove i salmi proclamati o cantati sono intercalati dalle esperienze di vita di vita vissuta.
Vengono poste con garbo e delicatezza alle persone che si accostano e che vogliono rispondere, alcune domande fondamentali, diverse per ciascuna domenica, su: Dio, sul senso della vita, su Gesù, sul Vangelo e sulla Chiesa. Alle domande segue la proclamazione di una lettura quindi una breve catechesi. L'incontro termina con le preghiere spontanee la recita del Padre Nostro, lo scambio della pace e la benedizione.
Chitarre, cembali, flauti, percussioni, violini incuranti della pioggia come in piazza Duomo a Fondi o del freddo come a Oulu in Finlandia, accompagnano i canti e le danze che risuonano nei luoghi più disparati: dai parchi nelle grandi città in mezzo al verde come al parco Alessandrini di Milano o villa Borghese a Roma al Love Park a Downtown Philadelphia oppure in Brasile a San Paolo Campo Limpo, sino ai margini delle città, vere periferie esistenziali e ritrovi multinetnici; gli slarghi delle grandi strade come a Vancouver in Canada negli ampi spiazzi davanti le baracche come a Kaduna in Nigeria o a Dysseldorp in Sudafrica oppure sotto portici improvvisati a Ranchi in India o in Madagascar. Dovunque sempre dal centro alla periferia; la missione ha questa dinamica si allarga sino ai lontani e agli ultimi.

cartecchio autobusOve possibile si inizia con una processione che dalla parrocchia si snoda nelle vie del paese o del quartiere invitando le persone a "venire e vedere" distribuendo volantini anche nei modi più fantasiosi come è accaduto a Santa Maria in Cartecchio (TE) chiedendo ai conducenti di bus di fermarsi per il tempo necessario alla distribuzione oppure portando striscioni coloratissimi ricavati con lenzuola e bombolette.
Ovunque un tappeto, un leggio ed una croce contraddistinguono questi luoghi che in zone del mondo particolarmente segnate dalla violenza divengono fari di speranza nella pace del vangelo: in Ucraina a Kiew nel parco Pozniaki oppure in Iraq nella provincia di Erbil ad Ankawa.
Durante il tempo di Pasqua la liturgia domenicale propone nelle letture l'annuncio del Kerigma, della buona notizia, di Dio che non ha lasciato il Suo Figlio nella Morte ma lo ha resuscitato facendolo Signore della Vita e vincitore della morte; ciò diventa vero e credibile osservando i volti delle migliaia di persone di tutte le età che animati dalla gioia del vangelo trovano il coraggio nel raccogliere la sfida di raccontare la loro esperienza di Gesù Risorto nella loro vita andando nelle periferie; gente tribolata ma serena, provata dalla vita come chiunque ma certa che la morte non è la fine di tutto.
Solo guardare le immagini di come la grande missione si svolge, invita ad avere lo stesso cuore di Gesù che ama l'uomo anche se gli è nemico, testimonia Gino di Brescia sul profilo Facebook di Cento Piazze.
Anche i social network stanno contribuendo in modo sano alla diffusione di questo evento favorendo la pubblicazione di foto e commenti da un capo all'altro del mondo, sino ad ora il sito www.missione100piazze.it ha raccolto più di duemila foto dalle varie missioni con circa ottantamila accessi nei primi giorni del mese di maggio. Numeri importanti li troviamo anche su Twitter con #100piazze su Facebook nelle pagine 100 Piazze e Cento Piazze e nel canale Youtube missione100piazze.

Le parole di Papa Francesco "Il Signore vi doni la gioia del Vangelo" davvero si stanno realizzando! Solo la gioia che viene dal Vangelo è in grado di unire nella evangelizzazione popolazioni diverse, età diverse, vite diverse e solo la gioia del Vangelo ricevuta in dono da Dio attraverso lo Spirito Santo rende "bravi" e spinge ad andare avanti.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna